Viale Giuseppe Mazzini 119  RM (Prati)

 

iconmailpaolacoppola

+39 335 690 3506

Via dei Sanniti, 442 Atina (FR)

Via Rubicone, 15 RM (Parioli)

paola.coppola.nutrizione@gmail.com

paola.coppola.nutrizione@gmail.com

iconmailpaolacoppola

+39 335 690 3506


facebook
linkedin
instagram
logopersitoweb3

Farina di grillo

03-04-2023 17:54

Paola Coppola

Farina di grillo

Tutto quello che devi sapere sulla farina di grillo

c2033f064f9b8637036065ae47a2e788.webp

La farina di grillo è un ingrediente relativamente nuovo nel panorama alimentare occidentale, ma che sta guadagnando sempre più interesse grazie alla sua sostenibilità ambientale e alle sue proprietà nutrizionali. In questo articolo, verrà esaminato tutto ciò che devi sapere sulla farina di grillo, tra cui le sue caratteristiche nutrizionali, la sua sostenibilità ambientale e le sue potenziali applicazioni.
La farina di grillo è prodotta dalla macinazione di grilli interi essiccati. È una fonte ricca di proteine, con un contenuto che varia dal 50% al 70%, a seconda della fonte. Questo è un contenuto proteico significativamente superiore rispetto alla carne bovina, che contiene solo circa il 25% di proteine. La farina di grillo contiene anche una quantità significativa di lipidi, fibre, vitamine e minerali, tra cui ferro e calcio.
Un recente studio condotto da van Huis et Al. (2013) ha evidenziato che la produzione di farina di grillo richiede molto meno risorse idriche e di terreno rispetto alla produzione di carne bovina. Ad esempio, la produzione di un chilo di carne bovina richiede circa 22.000 litri di acqua, mentre la produzione di un chilo di farina di grillo richiede solo 1 litro di acqua. Inoltre, i grilli hanno un tasso di conversione alimentare più elevato rispetto agli animali da allevamento tradizionali, il che significa che richiedono meno cibo per produrre la stessa quantità di proteine.
La farina di grillo ha anche il potenziale per essere utilizzata in una vasta gamma di prodotti alimentari, come pasta, pane, biscotti e barrette proteiche. In uno studio condotto da Oonincx e de Boer (2012), la farina di grillo è stata utilizzata per sostituire il 25% della farina di frumento in un pane bianco, con risultati promettenti. Il pane contenente farina di grillo ha avuto un contenuto proteico significativamente superiore rispetto al pane di controllo e ha anche dimostrato di essere accettabile dal
punto di vista del gusto.
Sebbene la farina di grillo sia ancora relativamente difficile da trovare nei negozi di alimentari occidentali, è disponibile su alcuni siti web specializzati in prodotti alimentari sostenibili e sta guadagnando sempre più popolarità tra i consumatori attenti alla sostenibilità. Ad esempio, una recente indagine condotta da Innova Market Insights ha rilevato un aumento del 23% nel numero di prodotti alimentari contenenti insetti come ingrediente, tra cui la farina di grillo.
In conclusione, la farina di grillo è un ingrediente sostenibile e ricco di proteine che ha il potenziale per essere utilizzato in una vasta gamma di prodotti alimentari. La sua produzione richiede molte meno risorse idriche e di terreno rispetto alla produzione di carne bovina e ha dimostrato di essere accettabile dal punto di vista del gusto.

1.png2.png3.png4.png5.png

© Dott.ssa Paola Coppola, Via Candia n.89 00192 - (RM) - C.F. CPPPLA72S65A486U - P.IVA 02321770600 - paola.coppola.nutrizione@gmail.com

Disegno G Tech Group - Sviluppo Gianluca Gentile

Disegno e sviluppo G Tech Group